ufuud.it

Blog

Cosa fare (e cosa no) con un activity tracker

Non si contano le funzioni di un activity tracker. Soffermiamoci sul capitolo ‘app’ che in questi strumenti ha un suo perché. Se si usa già un’app sul proprio smartphone non si vorrà perdere l’accesso ai propri dati o il servizio che le app dedicate sono in grado di offrire. Gli smartwatch, però, hanno maggiori probabilità di offrire compatibilità in questo caso, permettendo l’accoppiamento con i vari servizi delle app e la sincronizzazione dei dati sul proprio activity tracker. Se, poi, non ci si vuole far mancare proprio niente e si desidera ascoltare della buona musica mentre si corre senza portare con sé altri dispositivi, anziché un’activity tracker è consigliabile procurarsi uno smartwatch con memoria integrata per la riproduzione musicale, con l’ausilio di un auricolare Bluetooth.

L’audio musicale, infatti, non è propriamente ‘farina’ del sacco degli activity tracker, ai quali si chiede innanzitutto precisione e affidabilità nel riportare i dati. Spesso nel potenziale acquirente sorge un dilemma, alimentato dalla similitudine fra i due dispositivi. Fitness tracker o smartwatch? Chi preferisce uno smartwatch a un activity tracker opta per l’idea di uno smartphone in miniatura al polso, a cui si aggiungono anche funzioni accessorie di monitoraggio, marginali rispetto al fitness tracker. Il punto di forza degli smartwatch è la loro capacità di gestire agevolmente le notifiche dal proprio smartphone, quali messaggi, chiamate, e-mail, indicazioni stradali, appuntamenti del calendario e messaggi sui canali social. I modelli migliori permettono di visualizzare e rispondere facilmente alle notifiche, dettare risposte di testo o e-mail e la maggior parte dovrebbe essere almeno in grado di gestire l’abc del monitoraggio delle attività fisiche rilevando i parametri dell’organismo.

Gli smartwatch sono guidati dal loro sistema operativo, quindi sceglierne uno che sia ben supportato, come Wear OS (realizzato da Google) o watchOS (realizzato da Apple) dà maggiori probabilità che si possano visualizzare aggiornamenti e app utili per migliorare il proprio pacchetto di funzionalità. Ottimi per tenersi aggiornati e rispondere alle notifiche, i migliori smartwatch offrono anche un accurato monitoraggio delle attività di fitness – come passi, calorie e sonno – e persino il controllo della frequenza cardiaca, per quanto queste funzioni siano accessorie e non basilari. Altri dubbi potranno essere sciolti consultando le domande frequenti sugli activity tracker.